#BORGOFOOD

  • borgofood
  • BORGOFOOD2

#BORGOFOOD, DAL 5 OTTOBRE A FIDENZA
Cosa succede? Cosa succede in città? Canta così Vasco Rossi, con quella emilianità che ne contraddistingue lo stile. Ci piacerebbe farlo venire a Fidenza per scoprire insieme a lui cosa succede in una cittadina dal cuore sociale grande come una casa, nei giorni di San Donnino dal 5 al 9 ottobre.
Ci piacerebbe farlo girare tra gli stand di Fidenza #Borgofood per respirare, insieme a lui e alle migliaia e migliaia di persone attese, quei profumi, assaggiare quei sapori di un Appennino che, nonostante lo spopolamento di questi decenni, resiste grazie ad un manipolo di custodi del gusto e della bellezza. Ognuno di questi prodotti è la storia di uomini e donne che coltivano e allevano, che si potrà assaporare nei giorni di Fidenza #Borgofood dove, in questa edizione, si potrà davvero Camminare la terra, secondo l’assioma di Luigi Veronelli.
Ma non ci sarà solo l’Appennino ad essere protagonista delle piazze e delle vie del centro storico che ospiteranno; artigiani del legno e della ceramica che fanno giocare i bambini; produttori dei presidi Slow Food dell’Emilia-Romagna, della Lombardia e del Piemonte con storie e prodotti specialissimi; Piazza Verdi con i maestri casari e le birre italiane di qualità; i territori della Via Francigena dal Piemonte alla Toscana che convergono nella città che di quel percorso europeo rappresenta la centralità.
Succede che i giorni di Fidenza #Borgofood saranno giorni di buon cibo scoperto in un buon luogo, Fidenza per l’appunto!
Il punto di partenza ideale per capirne di più è, senza dubbio, la mostra dedicata a Luigi Veronelli, dove si impara a Camminare la terra leggendo la sua vita e i suoi moniti.
Da lì i passi vi porteranno in Piazza Verdi, poi in Piazza Garibaldi, dove già un parterre di eccellenza gastronomica avrà riempito i sensi, ma tenetevi lo spazio per Camminare la terra perché in via Berenini un’installazione di agricoltura urbana vi sorprenderà; oltre 70 specie di ortaggi ed erbe aromatiche spunteranno in mezzo alla via.
Camminare la terra vi porterà al Foro Boario dove sarà riprodotto l’antico mercato del bestiame, un tuffo in un mondo che resiste e che fa dell’agricoltura sostenibile una prospettiva per il futuro.
Se invece arrivate al sabato mattina potete essere protagonisti di un evento profondamente legato a questa città: il passamano dei pani, una catena di uomini e donne che si passano i pani, simbolo di umanità, lungo tutto il centro storico.
Infine, segnatevi in calendario tre, tra gli appuntamenti irrinunciabili di Fidenza #Borgofood.
Il primo si chiama: Massimo Bottura, il miglior chef del mondo. Sarà a Fidenza, lunedì 8 ottobre alle 17 al Teatro Magnani, per raccontarvi del suo progetto di solidarietà internazionale legato ai Refettori e della cultura che deve viaggiare di pari passo con il consumo di cibo. Si tratta di un evento eccezionale e aperto a tutti.
Al termine della conversazione, sotto i portici della Residenza Municipale, i Cuochi di Borgo, ovvero i ristoratori di Fidenza, preparano una cena a scopo benefico (per prenotare consultate il sito www.borgofood.it ).
Il terzo appuntamento è ancora in teatro; martedì 9, alle 21, andrà in scena, in anteprima nazionale, uno spettacolo, in atto unico, su Escoffier, il re dei cuochi, per la regia di Pietro Arrigoni. L’ingresso è gratuito, a degna conclusione di queste giornate ricche di sapori e bellezza.

borgofood

You may also like...